Asilo Nido

Progetto educativo a.s. 2017-2018

Il nido d'infanzia Il Micino nasce dal desiderio di creare un ambiente che sia in armonia con le capacita' ed i bisogni del bambino, offrendogli uno spazio educativo e formativo che rispetti la sua crescita.
Dal 1992 la struttura, con sede a Torino, offre ai piccoli ospiti stimoli per lo sviluppo delle potenzialità cognitive, affettive e sociali, avvalendosi come strumento principe del gioco, sia esso libero o parzialmente strutturato.
Il tutto, ovviamente, in totale sicurezza. L'asilo nido dispone anche di un giardino attrezzato con il parco giochi.

Di seguito la giornata tipo che Il Micino offre ai piccoli ospiti del nido.

Ingresso / accoglienza

Orario: 7.30 – 9.30

I bambini possono accedere al nido in questo orario accompagnati da un genitore, da un familiare o da una persona espressamente delegata dalla famiglia.
Durante l’inserimento è importante che i bambini accedano all'asilo nido con uno dei genitori, poiché  hanno bisogno di essere rassicurati e di sentire che le nuove relazioni che gli vengono offerte godano della fiducia della mamma e del papà. Solo più tardi si accettano altri accompagnatori.
Gli ingressi si articolano su un arco di tempo piuttosto dilatato nel rispetto dei ritmi del bambino e delle necessità delle famiglie. Consigliamo di evitare comportamenti frettolosi, ma anche rituali troppo lunghi.

Gioco libero

Orario: 9.30 – 10.00il micino

I bambini possono giocare liberamente, scegliere le costruzioni, fare giochi di movimento, o mettersi in circolo a cantare aspettando che arrivino tutti i compagni.

Attività

Orario: 10.00 – 11.00

I bambini si suddividono in piccoli gruppi a seconda delle attività che si andranno a proporre. Al mattino le insegnanti dell'asilo valutano se i bambini sono predisposti per un lavoro più strutturato o preferiscono muoversi a piacere affrontando giochi di tipo motorio.

Igiene e uso del vasino

Orario: 11.00 – 12.30 - 15.00 (circa e ogni volta che è il micinonecessario)

L’educatrice si occupa di un bambino alla volta verbalizzando le azioni che compie e dedicando la sua attenzione solo a quel bambino.
Per l’educazione al controllo sfinterico, tenuto conto dell’età del bambino (non prima dei 18 mesi), del suo sviluppo fisico, della sua curiosità ed interesse, viene introdotto l’uso del vasino. Il percorso verso l’autonomia deve essere caratterizzato da un senso di conquista e non di frustrazione.
Mentre i bambini aspettano il loro turno le maestre gli impegnano a cantare o ad ascoltare filastrocche o storie.

Pranzo

Orario: 11.45 – 12.30il micino

I bambini si recano in refettorio (divezzi) o consumano il pasto in sezione (lattanti). L’insegnante serve ai bambini il piatto di portata, mentre ai più piccoli sono riservate pappe personalizzate. Il bisogno di manipolazione del bambino viene assecondato senza restrizioni, vengono però contenuti eventuali comportamenti del bambino finalizzate a buttare il cibo a terra, o rovinare ciò che si trova nel piatto dei compagni. Ogni bambino viene aiutato ad instaurare una relazione piacevole e sana con il cibo. Quest’ultimo non ha soltanto la valenza di soddisfare un bisogno fisiologico, ma è anche il modo attraverso cui il bambino entra in contatto con la realtà. Particolare attenzione viene posta sulle allergie e intolleranze alimentari.
Per approfondimenti, é possibile consultare il nostro menu invernale ed il nostro menu estivo.

Il sonno

Orario: 12.45 – 15.00il micino

Il sonno rappresenta un momento critico che coincide con la perdita di contatto con gli altri e con l’ambiente, proprio per questo è importante tranquillizzare il bambino. L’educatrice all'interno del nido deve rispettare il più possibile le abitudini che quest’ultimo ha in famiglia.

Merenda

Orario: 15.30 – 16.00

Viene offerta la merenda che varierà a seconda del menù del giorno.

Uscita

Orario: 16.00 – 19.00

Non avviene in un orario stabilito uguale per tutti. Il genitore è autorizzato a chiedere alle educatrici informazioni sulla giornata. Il rapporto tra educatrice e genitore è fondamentale per poter stabilire una buona relazione e creare un clima di fiducia reciproca.